Biografia

Costanza Alegiani  è una cantante e compositrice, attiva nell’ambito della musica jazz e della musica indipendente.

Ha suonato in Festival nazionali e internazionali, teatri, sale da concerto tra cui: “I solisti del Teatro” ( Giardini della Filarmonica Romana), RomaEuropaFestival 2009, Festival Franco Italiano Una Striscia di Terra Feconda 2016 (Residenza d’artista con Théo Ceccaldi e Carmelo Coglitore), Acuto Jazz, Atina Jazz, Villa Celimontanta Jazz, Da Donne a Donna, Chieti in Jazz, Il Sapore della Storia EXPO 2015, JazzitFest 2015, Jazz per L’Aquila, Settimana della Cultura Italiana nel mondo presso l’Istituto di cultura Italiana  di Libreville (Gabon), Santarcangelo ’39 Festival dei teatri in piazza, Concerti nel Chiostro di Villa Torlonia, Resistenza Jazz Festival, Exotique Festival, RIFF Rome Independent Film Festival, Circolo del Ministero degli Affari Esteri di Roma, Aula Magna Università La Sapienza, Istituto Italiano di Cultura di Varsavia di Cracovia (Polonia), Teatro Eliseo (Sacred Concerts diretti dal Maestro Santoloci), Teatro Nuovo di Salsomaggiore, Nuovo Teatro Colosseo, Università LUISS Guido Carli Roma, Circolo degli Artisti. Ha partecipato al progetto GIRLS GIRLS GIRLS con l’Orchestra Operaia di Massimo Nunzi. Ha cantato, insieme all’Orchestra Jazz di Santa Cecilia, il brano vincitore del Premio Siae Libera il Jazz “La gente fa il tifo per noi” di Michele Corcella, scritto per voce femminile e orchestra jazz.

Tra le sue incisioni discografiche si ricorda: il disco live “Janis” (registrato alla Casa del Jazz di Roma), per la collana di dischi Jazz Italiano Live 2016, iniziativa del gruppo editoriale L’Espresso di Repubblica, registrato con il gruppo Giovani Leonesse; il suo album di esordio come solista Fair is Foul and Foul is Fair (Improvvisatore Involontario 2014) ispirato al Macbeth e l’Otello di Verdi. Ha registrato nel disco di Antonio Apuzzo Strike! “Songs of Yesterday, Today and Tomorrow”(Dodicilune Records 2016).

Da sempre interessata all’interdisciplinarità tra le arti, si confronta con il mondo del Teatro, della Danza, della Letteratura, del Cinema; é autrice e leader del progetto Fair is Foul and Foul is Fair (2013), realizzato in Belgio, con la partecipazione di alcuni musicisti del Koninklijk Conservatorium di Bruxelles (dove ha lavorato nel corso dell’anno accademico 2012-2013). Il disco Fair is Foul and Foul is Fair ha avuto un ottimo riscontro da parte della critica (Mario Gamba su Manifesto, Musica Jazz, Jazz Convention, All About Jazz, Jazzit, Claude Loxay su Jazzaround, Bernard Lefevre su Jazzmozaiek, Top Jazz nella rivista Cuadernos de jazz di Mario Gonzales, Claudio Morandini su Letteratitudine, Linkiesta, etc) ed è stato nel palinsesto di Battiti su Radio3 e della Radio Nazionale Belga, RTBF.  Sempre nel 2013 scrive, Tutto questo non è nient’altro che un gioco, un Recital ideato a partire dal testo di Elsa Morante Il mondo salvato dai ragazzini,  con la partecipazione di Canio Loguercio, Eugenio Colombo, Pasquale Innarella, Alessandro D’Alessandro, presentato all’interno del Festival ‘I solisti del Teatro’ (Giardini della Filarmonica Romana) e nella rassegna ‘Da Donne a Donna’, organizzata e diretta da Susanna Stivali.

Diverse sono le collaborazioni in ambito teatrale in qualità di cantante solista, tra cui: RomaEuropaFestival 2009 con lo spettacolo La Buona novella (con Mario Brunello, Stefano Benni, Vinicio Capossela), L’opera da tre soldi con L’Orchestra MUSA dell’Università La Sapienza di Roma, Peer Gynt con Alvaro Piccardi. Partecipa al coro di voci per la realizzazione di L’ultima volta che vidi mio padre, di Chiara Guidi (SocietasRaffaelloSanzio). Ha lavorato e preso parte allo spettacolo di danza contemporanea e musica MossoVivo (Festival Bodysongs 2013) promosso e patrocinato dal comune di Prato. Nel 2012 scrive la  colonna sonora del cortometraggio Sorelle di Karole Di Tommaso, prodotto dal Centro Sperimentale di Cinematografia. È stata cantante solista e membro del gruppo elettroacustico Zeitlet X-mble (attivo dal 2006 al 2010) diretto da Andrea Mancianti, con cui ha realizzato diversi progetti (l’album Studi preparatori per la fine del mondo, l’opera teatrale Peer Gynt, la colonna sonora del cortometraggio Pas prefut di Davide Maldi (colonna sonora vincitrice del primo premio all’ Independent Music Awards, Winner Film & TV Song).

 

In ambito didattico, ha lavorato come Docente e assistente didattico presso l’ErasmusHogeschool Koninklijk Conservatorium di Bruxelles (2012-2013) insieme a Kris Defoort e David Linx (Vocal Ensemble). Ha insegnato Canto, Teoria ed Armonia presso il Centro L’Ottava di Roma. È stata assistente didattico e interprete di Jonathan Kreisberg ( Fara Music Festival 2012),Roger Treece ( Bobby McFerrin and Voicestra Workshop).

 

Ha collaborato e suonato con molti musicisti tra cui: Fabrizio Sferra, Paolo Damiani, Francesco Ponticelli, Alessandro Gwis, Théo Ceccaldì, Roberto Negro, Michele Rabbia, Marcello Allulli, Gabriele Evangelista, Francesco Diodati, Matteo Bortone, Federico Casagrande, Marco Bardoscia, Marco Messina (99 Posse),Francesco Cusa, Eugenio Colombo, Roberto Spadoni, Marcella Carboni, Nicola Andrioli, Mario Brunello, Stefano Nanni, Roberto Bartoli, Pasquale Innarella, Canio Loguercio, la regista teatrale Chiara Guidi (Societas Raffaello Sanzio).

 

FORMAZIONE:

Si é laureata con il massimo dei voti in Musica Jazz presso il Conservatorio di Musica Santa Cecilia di Roma (Biennio) con la tesi “Theo Bleckmann: I Dwell in Possibility”, e presso il Conservatorio di Musica Licino Refice di Frosinone (Triennio) con la tesi “ Transductory music. La musica e i testi di Escalator over the hill di Carla Bley  e Paul Haines”.

Si è laureata in Filosofia presso L’Università «La Sapienza» con la tesi “Dialogo tra vita e assurdo nell’opera di Albert Camus”.

Ha studiato Canto jazz con Diana Torto, Cinzia Spata, Danila Satragno, tecnica vocale con Albert Hera, Raffaella Misiti, Sabina Meyer, Angela Bucci. Ha studiato arrangiamento e composizione jazz con Roger Treece (New York), Roberto Spadoni, Gianluigi Giannatempo, Marco Tiso, Bruno Tommaso (Chieti in Jazz 2010-2011), pianoforte con Ramberto Ciammarughi.