Fair is foul and foul is fair

Costanza Alegiani

  • Release 2014
  • Genre Contemporary jazz

Costanza Alegiani – voce, composizioni e arrangiamenti

Jan Daelman – flauto traverso

Ben De Greef – sax contralto

Thomas Jillings – sax tenore

Thijs Troch – pianoforte

Daniele Cappucci – contrabbasso

Armando Luongo – batteria

Fair is foul and foul is fair é un progetto ideato e realizzato da Costanza Alegiani, durante un periodo di lavoro presso il Koninklijk Conservatorium di Bruxelles. Il progetto (inizialmente nato come omaggio a Giusepp Verdi, in occasione del bicentenario della sua nascita) è ispirato al Macbeth e all’Otello di Verdi, e ad alcuni personaggi delle due opere. Il tema guida che percorre le maglie della trama musicale è la natura ambigua e paradossale del Destino, cui fa riferimento l’emblematica formula delle streghe del Macbeth “Fair is Foul and Foul is Fair”, ovvero il bello è brutto e il brutto è bello. Il Destino incombe su ciascuno dei personaggi ed essi, di fronte all’inesorabile, non possono fare altro che interrogarsi sulla propria condizione e sulle scelte da operare. La complessità di questa lotta interiore è il cuore pulsante di ogni brano, dove si sperimentano forme e materiali musicali eterogenei (la Canzone, il Recitativo e l’Aria, la Suite, l’Improvvisazione estemporanea), che ci descrivono la vicenda intima del personaggio. Nei brani Alas poor country. A messenger e Alas poor country. Refugees, il Coro dei profughi scozzesi del Macbeth denuncia la condizione civile e politica di un popolo esiliato, vittime di un fato che sembra essere loro avverso, ma che saranno pronti a sovvertire. Il personaggio di Desdemona – a cui sono dedicati i brani Desdemona’s Dream, An Old Song e Willow Song. Desdemona in her room – presagisce invece la sua fine imminente e giunge ad una tragica verità su se stessa e il suo destino, accettandolo. Le streghe del Macbeth, come le antiche Moire, presenziano silenziose continuando ad ordire i fili della storia. Esse rappresentano l’enigmaticità e l’inesorabilità del Fato e della Vita stessa. Possono profetizzare il destino degli uomini, ma non determinarlo. Predicono gloria, potere e vittoria all’Uomo, ma allo stesso tempo si prendono gioco di lui, rivelando il rovescio inaspettato della medaglia.

Arrangiamenti e composizioni di Costanza Alegiani, eccetto le tracce 1,5,7,10, improvvisate dai musicisti. Registrato da Daniel Léon presso Igloo Studio di Bruxelles, il 28 Giugno 2013 Missaggio e Mastering di Simone Sbarzella, presso il Monk Studio

  1. So foul and fair a day I have not seen ( improvisation I )
  2. Fair is foul and foul is fair (C.Alegiani)
  3. Alas poor country. A messenger (C.Alegiani)
  4. Alas poor country. Refugees (G.Verdi)
  5. Intermezzo ( improvisation II)
  6. Desdemona’s Dream (G.Verdi)
  7. Let me live tonight ( improvisation III)
  8. An old song (English folk song)
  9. Willow song. Desdemona, in her room (G.Verdi)
  10. Chi é quell’uomo che può tenere in pugno il suo destino? (improvisation IV)